non avevo mai provato a chinarmi
di fronte al nulla, alle camere bianche
alle sue ore lunghe

hai tra gli occhi schegge di sole
e rubi la purezza agli angeli
mi porti dove la neve ha un peso
guardandomi su rami di scoiattolo
le pupille da stella alpina
tra le rocce ghiacciate

una tua spallina che scende
ha spigoli di eternità, me lo dico
con una risma di pensieri
da fotocopiarci settimane
e tanto inchiostro
per sentirsi l’aria dentro
una cantilena che incide la sera
e arde al di là delle montagne

ogni secondo è una crepa al labbro
e un cielo sputato per terra

Ore lunghe, febbraio 2019

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...